Immagine

Verdetto “Chi vuol essere Scassaballe?”

E la band che interpreterà i diavolacci di Sacro/Profano è...

Verdetto “Chi vuol essere Scassaballe?”

E per il concorso “Chi vuol essere scassaballe?” si sono espresse sia la Giuria Popolare (guardate lo scorso post), sia la Giuria Artistica, che è composta così:

Mirka Andolfo (autrice di Sacro/Profano)
Davide Caci (curatore di Sacro/Profano)
Stefano Vittozzi (musicista/compositore)
Maura Cenciarelli (musicista, doppiatrice e conduttrice radiofonica)
Matteo di RadioAnimati (autore radiofonico)

Ma prima delle classifiche, riascoltiamoci un assaggio delle performance delle band in gara:

La Giuria Popolare si è espressa mediante un sondaggio web, dal quale si vede sia l’apprezzamento del pubblico di Sacro/Profano per le varie band, più volte sollecitato dalla pagina Facebook, sia quanto le rispettive band abbiano già un nucleo di fan e amici disposte a sostenerli nella competizione.

La Giuria Artistica, formata sia da esperti musicali che dalle menti dietro al popolare e geniale fumetto Sacro/Profano, ha invece valutato, oltre alle performance musicali, anche tutti quegli elementi in base ai quali una delle band potesse essere la più rispondente alle caratteristiche de “Gli Scassaballe“.

Ed ecco dunque le rispettive classifiche:

Posizione Giuria Popolare Giuria Artistica
Caronni Leppardize
Leppardize Crazy Moon
Crazy Moon Caronni
Sturm Und Drunk Sturm Und Drunk
Gli Altri Band Gli Altri Band

Per riunire i due verdetti, assegniamo i punteggi come segue: 5 punti per il 1° posto, 4 punti per il 2° posto, 3 punti per il 3° posto, 2 punti per il 2° posto e 1 punto per il 5° posto.
Quindi ecco i punteggi:

Band Punteggio Giuria Popolare Punteggio Giuria Artistica Punteggio TOTALE
Caronni 5 3 8
Crazy Moon 3 4 7
Gli Altri Band 1 1 2
Leppardize 4 5 9
Sturm Und Drunk 2 2 4

E quindi… con un totale di 9 punti, la band che interpreterà “Gli Scassaballe” è quella dei Leppardize!

Ma non possiamo certo trascurare l’ottimo risultato di pubblico ottenuto dai Caronni, che sono riusciti a mobilitare centinaia di fans per sostenerli, e dunque assegneremo loro una menzione speciale e un omaggio da parte della nostra casa editrice.
E tutti saranno i benvenuti, voi compresi, a Manciano (GR) il 12 luglio per il concerto degli SCASSABALLE!

Verdetto “Chi vuol essere Scassaballe?” 4.00/5 (80.00%) 8 voti

14 commenti a “Verdetto “Chi vuol essere Scassaballe?””

  • ….è il caso di dire per un punto Martin perse la cappa….
    soddisfazione si per i Caronni ma anche grande delusione perché sono giovani e pieni di entusiasmo!

  • Spero almeno che gli Organizzatori diano un po di spazio per un’esibizione dei Caronni …

    In effetti ci avevamo pensato, ma temiamo ci siano delle difficoltà pratiche. Verificheremo. – Dentiblù

  • Salve a tutti, fino ad ora ho letto tutti i commenti fatti senza mai replicare o dire la mia, però adesso a concorso finito mi piacerebbe esprimere una mia impressione:
    il fatto che la giuria tecnica abbia premiato la credo “tribute” dei Def Leppard non mi stupisce(effettivamente il prodotto che ho potuto ascoltare è qualitativamente il migliore e se è veramente un live non in studio tanto di cappello perché non perdono un colpo), ciò che mi lascia un po’ perplesso è il secondo posto assegnato ai Crazy Moon(non me ne vogliano per carità)….ecco li sono rimasto un po’ così…..dico ciò da musicista, insegnante, arrangiatore e spesso giurato ai contest(cosa che purtroppo odio…..i contest intendo)……ecco!!!
    credo che la polemica dei giorni scorsi non abbia fatto bene a nessuno, poi è solo la mia umile impressione….(se c’era bisogno di un gruppo metal ovviamente non si poteva che andare in quella direzione, cosa che tra l’altro capisco perfettamente) ripeto senza nulla togliere ai vincitori, sia mai!!!niente, tutto qui…..ripeto secondo il mio modesto giudizio trovo strano il voto tecnico fermo restando che i primi lo sono stati con merito!!!!nessuno me ne voglia, la mia mail l’avete quindi disponibile a qualsiasi eventuale confronto(ovviamente non voglio giudicare il giudizio dei giudici

  • Ciao Iffede,
    confermo che nessuno te ne vuole, ma mi piacerebbe arginare questa atmosfera di sospetto che sta emergendo. Noi siamo semplicemente una casa editrice che sta tirando su un evento legato a un nostro titolo, possibilmente un bell’evento.
    Ciò detto, con le band in questione noi non abbiamo alcun legame precedente, né abbiamo motivi pratici di voler favorire l’una rispetto alle altre. Anzi, per dirti una mera curiosità, una band con meno membri ci comporta minori costi (trucco, ospitalità…) e quindi eventuali argomentazioni utilitaristiche non avrebbero ammesso questo verdetto.
    Ancor più, noi come organizzazione, abbiamo demandato completamente la valutazione al voto popolare e alla Giuria Artistica, cercando di conciliarli col metodo più lineare e “meccanico” (leggasi: privo di margine per arbitrio) possibile. Eventuali irregolarità sarebbero del tutto contro il nostro interesse perché metterebbero a rischio la nostra reputazione.
    Poi è chiaro che tutto è suscettibile di discussione: se si pensa a quante scuole di pensiero ci sono sulle leggi elettorali, a maggior ragione è impensabile che il meccanismo di voto per un contest musicale organizzato da una casa editrice di fumetti possa essere a prova di qualsiasi obiezione.
    Da osservatore esterno, al più posso dire che secondo me – e come da bando – la Giuria Artistica avrà valutato anche la rispondenza delle band a fisionomia e mood dei personaggi del fumetto, nonché alla resa che potrebbero avere nel momento in cui si esibiscano con trucco da cosplay. Per questi elementi di valutazione, capirai che si debba prescindere parzialmente dall’eventuale background di musicisti, insegnanti e arrangiatori come tu mi dici.
    Mi scuso per essermi dilungato e non sarei neanche entrato in merito, ma se tu – con innegabile educazione, per carità – inizi con l’esternare perplessità e reputare strane determinate scelte, da un lato espliciti un’atmosfera che già mi sembrava un po’ tesa, dall’altro crei un precedente a che qualcuno possa arrivare a mettere in discussione la nostra serietà professionale. E quindi mi piacerebbe poterlo prevenire, il più serenamente possibile.
    Grazie per l’attenzione, un saluto.

    Stefano Bonfanti

  • Son proprio contenta che saranno i Leppardize ad interpretare gli Scassaballe, sono davvero talentuosi e la voce del cantante è molto profonda ed avvolgente, secondo il mio giudizio. :)

  • Caro Stefano, capisco benissimo e non mi permetterei mai di sospettare o mettere in discussione la professionalità della giuria tecnica!Da esterno ho detto solo quello pensavo, riconoscendo però adesso di aver peccato in quanto non ho tenuto in considerazione il materiale video che probabilmente avete acquisito è che fa si che il giudizio da voi espresso sia dovuto anche quello!!

  • Sono anche io un iinsegnante (diplomato con lode in chitarra elettrica presso la lizard di Giovanni unterberger)e vorrei sapere, senza fare polemiche, cosa non gli torna sui crazy moon

  • La domanda è chiaramente rivolta al signor iffede…..

  • ….se poi sei quello che ho visto su YouTube (non dico il nome per la privacy) complimenti in generale per come suoni, ma quando fai Satriani cura meglio il suono (un delay più presente sui soli) e cura meglio gli armonici….

  • Buongiornoooooooooo :) !!!!!!!giusto due cose:
    n1 rivolta a chi si occupa del sito vorrei dire che il mio secondo commento era molto più lungo, mentre quello che leggo è tagliato!!c’e qualche motivo particolare????no perché la “censura”non credo piaccia a nessuno……ma va be’…..
    n2 rivolto a francesco, complimenti innanzitutto per il diploma alla Lizard(non credo sia facile) e grazie per la dritta sul delay ecc ecc…
    purtroppo quel video(col telefonino) risale credo a 5/6 anni fa ed era una serata così per divertirsi(è stata l’unica!!!!!

    La “censura” non piace a nessuno, men che meno piace l’accusa di censurare. Quello che compare nei commenti è quello che ci è arrivato. Non ho idea di cosa tu possa aver scritto di tanto “scomodo” da meritare di essere cancellato e non ho idea di quali interessi pensi noi possiamo avere a zittire i nostri utenti. Qui i commenti sono “moderati” ma solo nella misura in cui ci riserviamo di riguardare contenuti oggettivamente offensivi e, praticamente, approviamo tutti i post. Da cosa ti deriva tutto questo sospetto nei nostri confronti? Ci sembra di aver gestito tutto nel modo più equilibrato possibile e nel nostro precedente messaggio mi sembra di essere stato chiaro. – Stefano Bonfanti – Dentiblù

  • scusa Francesco ma probabilmente c’è adesso un num limitato di caratteri perché è venuto fuori metà commento anche sto giro!!!mah??chiedevo come hai fatto da un Nico nane a trovare il video visto che sopra c’è scritto LA MAIL NON VERRÀ PUBBLICATA!!
    Grazie e buona musica!discorso Crazy moon: non dico che i ragazzini sono meglio, ma di sicuro non peggio!!!cosi la penso io e altri colleghi miei!!!:)…..buona musica a tutti

    La mail infatti non è pubblicata. Cosa ti fa pensare il contrario? Inviterei dunque gentilmente l’utente francesco (che personalmente non credo di avere il piacere di conoscere) a far capire in che modo sia risalito al video e agli altri dati, così plachiamo gli animi e speriamo non ci sia ulteriore modo di vedere strane congiure dietro un comportamento (il nostro) deliberatamente improntato alla massima correttezza e trasparenza. A mio avviso, comunque, già solo cercando il tuo nickname con Google, si vedono rapidamente svariati risultati collegati alla musica. Dovremo subire altre accuse o possiamo fermarci qui? Grazie. - Stefano Bonfanti – Dentiblù

  • ….trovare i video è stato semplice,ho semplicemente digitato iffede su YouTube e li ho trovati,mi spiace se in qualche modo ho provocato dei fastidi, non era mia intenzione.volevo solo dire la mia su un commento a mio avviso poco obbiettivo,gli originali di ozzy sono Cmque simili,c’è anche un’ottima esecuzione di dee (randy Rhoads) discutibili i suoni e la registrazione in un contesto live forse non dei migliori, la voce non proprio simile a quella originale(il timbro è quasi impossibile da imitare se non c’è lo hai di natura), ma come fan di ozzy, e come insegnante ho ritenuto il tuo giudizio ingiusto,soprattutto senza una vera analisi critica.la giuria secondo me ha deciso in modo onesto e giusto, premiando, come hai detto anche tu il prodotto qualitivamente migliore.ti rinnovo i complimenti per quello che ho sentito su YouTube e chiedo scusa se involontariamente ho acceso questo piccolo dibattito.

  • che buffonata :I Caronni hanno vinto alla grande ma fate passare quelli piu’ anziani !!!!!!!!!
    Fuga di cervelli dalla musica , e’ questo che volete

    Comunque ora e sempre ‘FORZA CARONNI”

    Non sia mai che vogliamo una fuga di cervelli e anzi, è gradita la loro presenza: un minimo di fair play da parte degli amici e sostenitori dei Caronni ne sarebbe un buon indice. I ragazzi hanno sottoscritto un bando che indicava chiaramente il ruolo della Giuria Artistica nella valutazione. Le osservazioni sono sempre benvenute, le contestazioni lo sono in caso di nostre mancanze, gli insulti non lo sono mai. Non costringeteci a essere più severi nella moderazione dei commenti inopportuni. – Stefano Bonfanti – Dentiblù

  • ri buongiornoooooo

    Buongiorno a te Iffede. Domanda: il tuo è giusto un saluto o intendevi aggiungere altro ma il messaggio ci è di nuovo arrivato “troncato”? Perché a quel punto, inizio a sospettare di qualche inconveniente dal lato client: ho verificato sul CMS e non mi risulta in funzione alcun meccanismo di limitazione dei caratteri, specie se così stringente. Grazie per farmi sapere, così indaghiamo! - Stefano Bonfanti – Dentiblù

Immagine

Concorso “Chi vuol essere Scassaballe?”

Vota la band che interpreterà i diavolacci di Sacro/Profano!

Concorso “Chi vuol essere Scassaballe?”

Vota la tua band preferita, per farle interpretare il ruolo de “Gli Scassaballe”, la sfigatissima band di Damiano di Sacro/Profano. Chi verrà selezionato dalla giuria popolare e dalla giuria artistica, si esibirà sul palco di Cartoon Village, la kermesse di fumetto e cartone animato che si terrà a Manciano (GR) dal 10 al 12 luglio 2015.
La sera di domenica 12 luglio 2015, la band selezionata verrà truccata da un esperto di cosplay per assumere sembianze diaboliche e interpreterà, oltre al suo repertorio, anche la canzone ufficiale di Sacro/Profano!

I candidati al concorso hanno finalmente sottoposto i loro brani. Ecco un assaggio delle band partecipanti!

AGGIORNAMENTO: le votazioni si sono concluse. Grazie a tutti per il vostro voto! Clicca qui per il verdetto finale!
Guardate i video per ascoltare i brani con cui le band hanno partecipato al concorso.

Caronni
Crazy Moon
Gli Altri Band
Leppardize
Sturm Und Drunk

Qual è la band che vuoi veder interpretare "Gli Scassaballe"?

  • Caronni (46%, 1.027 Voti)
  • Leppardize (41%, 931 Voti)
  • Crazy Moon (9%, 194 Voti)
  • Sturm Und Drunk (3%, 70 Voti)
  • Gli Altri Band (1%, 25 Voti)

Totale votanti: 2.247

Loading ... Loading ...

E ora tutti a Manciano (GR) il 12 luglio per il concerto degli SCASSABALLE!

Concorso “Chi vuol essere Scassaballe?” 4.50/5 (90.00%) 6 voti

36 commenti a “Concorso “Chi vuol essere Scassaballe?””

  • Ma che scherzate davvero ” I CARONNI ” hanno una marcia in più ciao e in bocca al lupo

  • I caronni vanno alla grande non ci sono egualio

  • Caronno 20 voti in 3 mimuti…smettete di cambiare l’ip spegnendo il modem….non giocate sporco…sennò il modo di barare si triva tutti!

  • io volevo votare Caronni, ma il sito non me li fa cliccare

  • stef: A vederla da qui, non abbiamo sospettato irregolarità: certe ondate nelle votazioni hanno corrisposto abbastanza fedelmente agli appelli delle varie band sui social affinché i propri simpatizzanti votassero. In ogni caso, abbiamo rafforzato le misure di sicurezza per ridurre al minimo eventuali abusi.
    Comunque sia, il voto popolare sarà solo una parte della valutazione: avremo una giuria artistica che include membri molto prestigiosi e competenti che dirà l’ultima parola.

  • Claire: Può darsi che dalla tua utenza ADSL qualcun altro abbia già votato? In tal caso, purtroppo, non è possibile dare altri voti: fa parte del meccanismo di sicurezza per evitare voti multipli. L’alternativa sarebbe stata riservarlo agli utenti iscritti.

  • Io voto i Caronni, mi piace il loro stile :-P

  • Sisi per carita’ nessuno da per certo che la gente bari…..ma da quando hai alzato le misure di sicurezza c’e’ stato un bel rallentamento!!

  • oppure abbiamo semplicemente più fan degli altri u.u

  • Bòni, state bòni… che poi magari la Giuria Artistica valuta anche il fair play… :-D

  • I Caronni sono ragazzi molto giovani e sono 4 se ognuno di loro ha almeno 50 amici mi sembra abbastanza semplice arrivare a 200 voti .

  • I Caronni non hanno bisogno di barare: sono troppo forti! li sto votando pure io che sono in Belgio!
    Forza Caronni!!

  • Scusate se mi intrometto ma giocare a chi ce l’ha piu’ lungo non ha molto senso…..siamo band apprezzate molto…..noi piu’ anziani loro molto piu’ giovani…..per motivi anche differenti se vogliamo…..loro dal belgio…. a noi dagli stati uniti ecc ecc….loro 339 like noi 643 like…….,non ha senso fare cosi’…..vinca il migliore nel massimo rispetto delle parti

  • Mi pare strano che un gruppo sia riuscito a passare dall’ultima posizione (poco più) fino in testa in pochissimo tempo.. capisco i molti fan ma moltissimi voti in pochi minuti è davvero strano.. non importa, sempre e comunque forza Leppardize! Dajeeee :D

  • Anche il discorso del barare…..non c’e’ niente di certo…al massimo uno puo’ sospettare….ma portare voti se uno ha conoscenze e amicizie non e’ cosi’ complicato…quindi ragazzi….ripeto vinca i migliore e in bocca al lupo a tutti!

  • Scusate a parte che i Caronni sono molto giovani le amicizie sono tantissime oltre alle loro ci sono pure i familiari, poi da quello che ho potuto sentire sono gli unici che il loro video è direttamente da un concerto e non in sala di registrazione.

  • Io sono un membro dei Caronni e vi assicuro che non abbiamo barato comunque vinca il migliore!

  • I Caronni se non sbaglio, sono gli unici che hanno postato un video dal vivo e non in sala registrazione, e comunque se oltre ai loro amici votano tutti i parenti….non vedo la truffa.

  • Beh sai la scelta di demo o live almeno per quanto riguarda noi è stata molto casuale…nel senso che anche di video e audio live ne abbiamo un sacco che sarebbero andati benissimo, abbiamo optato per il demo….sono scelte….cmq per i nostri prossimi votanti se volete tutti i nostri live andate sul canale you tube dei leppardzie!!! Buona visione!

  • Speriamo di rassicurarvi dicendovi che comunque la votazione online sarà preziosa ma pur sempre indicativa per la nostra giuria artistica e che questa terrà conto di numerosi fattori. Quindi vi invitiamo a vivere serenamente questa competizione e se siete fra i finalisti, già si è visto il vostro merito. In bocca al lupo a tutti.

  • Io ho votato Caronni. Cmq. Fatela finita. La musica deve unire non dividere. E non ci deve essere competizione. Dai più bravi bisogna solo osservare e imparare. Venite a vederli dal vivo. E vi accorgerete ché spaccano le mele. Non siamo alla scuola materna. Possibile ci debba essere sempre polemica. Fate il vostro. E buona musica. Pookya.

  • Comunque c’è qualcosa che non va in questa pagina è da ieri che giro il link x la votazione e si apre direttamente con la classifica senza dare la possibilità di votare!

    Non è un problema della pagina, ma l’esigenza di controllare gli accessi per la votazione. Invitiamo a vedere la nostra risposta a Claire qualche commento più sopra. Dentiblù

  • Certo che l’ho letta la risposta ma non è questo il caso…. Nessuna polemica ma confermo quanto ho scritto!

    Possiamo suggerire di riavviare il modem o il router. Se dallo stesso dispositivo non è stato dato ancora il voto, dovrebbe funzionare. Dentiblù

  • Ciao sono un membro dei caronni: volevo dire che l’unica cosa che abbiamo fatto è stato inviare il link della pagina a un sacco di amici che alloro volta hanno fatto lo stesso. In più la stessa cosa hanno fatto i parenti. Si fa presto ad arrivare a 600. Poi sinceramente non è bello accusare altri gruppi solo perché hanno preso più voti, per come la penso io le votazioni online non rispecchiano al 100% la “bravura” di un gruppo, infatti i video inviati sono anche valutati da una giuria tecnica.

  • Io ho votato i Caronni perchè li ho sentiti l’anno scorso alla sagra del proscuitto cotto di codognotto al serchio. Veramente bravi, specialmente quando mettono le basi midi e fanno ballare tutti con la lambada e il tichi tichi tero.

  • CARONNI per sempre!!!! :)

  • ottime band

  • A me non ne piace manco una di queste band, più che altro speravo di sentire roba più “metal” onestamente (veste che sarebbe stata più idonea agli Scassaballe). Però amen

  • Finalmente un gruppo nuovo fresco e grintoso. Forza i Caronni

  • Forza Caronni belli giovani e grintosi!

  • Caronni per sempre

  • … I migliori: CARONNI

  • Tutti a Manciano. …ragazzi tutti a mancuano …a vedere i caronni

  • Ma quando vengono chiuse le votazioni? Non era il 25/6/2015 alla mezzanotte?

  • Bravi tutti e che vinca il migliore

  • Un complimento speciale ai CARONNI…….
    Forza ragazzi
    Bravi

Immagine

The Porking Dead

L'esordio del nostro cinghiale in casa Star Comics

The Porking Dead

Edizioni Star ComicsDopo anni e anni in cui Zannablù era prerogativa unica della nostra piccola e ruspante casa editrice, un gemellaggio d’eccezione ha fatto sì che finalmente potesse sbarcare in edicola. Con chi? Con la mitica Edizioni Star Comics!

The Porking DeadQuesto debutto avviene con l’albo “The Porking Dead” che, come i più vispi di voi avranno notato, è nient’altro che la parodia della celebre saga in salsa zombie ideata da Robert Kirkman.
Per farsi un’idea di cosa sia questa ennesima follia di casa Dentiblù, basti leggere il trafiletto della IV di copertina:

Il cinghiale Zannablù, consumato professionista della parodia (Il Signore dei Porcelli, Harry Porker), si insinua nel mondo della più popolare serie televisiva a base di zombie dopo il Festival di Sanremo. A fianco di un gruppo di squinternati superstiti, fra cui l’irascibile vice-sceriffo Flick Grugnes, il nostro eroe dovrà farsi strada in un mondo nel quale la preoccupazione più grande non sono tanti i puzzolenti morti che camminano, quanto l’inettitudine dei viventi. In una realtà a metà strada fra la provincia americana e quella di Bergamo, o si uccide o si muore, preferibilmente dal ridere…

Il delirante inizio di The Porking Dead

Non vi basta? Beh, allora gustatevi qui sotto la gustosa anteprima gentilmente messa a disposizione dalla casa editrice perugina.


…e il bello deve ancora venire!

A distanza di meno di due mesi dal suo esordio a Lucca Comics & Games 2014, se n’è anche avuto modo di parlare estensivamente, come in questa ottima recensione su BadComics.it, nell’esclusiva e spassosa intervista ai Dentiblù su 4news.it, in quella su Mangaforever e da un sacco di altre parti, anche oltreoceano. Forza, su: cliccate sui link!
E se non vi abbiamo convinti noi, lasciamo la parola a questo entusiasta lettore sul suo canale YouTube…
 

Beh? Cosa ci fate ancora qui? Correte in edicola o scaricatevelo su Kindle!
 

The Porking Dead 5.00/5 (100.00%) 1 voti

I commenti sono chiusi.

Due chiacchiere con Radio Cusano Campus

La radio universitaria laziale ci invita a parlare delle nostre creature

Radio Cusano CampusIl Signore dei Porcelli ...non deve morire
Dopo la chiacchierata di Stefano col pubblico svizzero, ora è la volta di Barbara a cimentarsi in un’intervista radiofonica. L’emittente è Radio Cusano Campus, nota al pubblico laziale perché dopo esser nata come radio dell’Università Niccolò Cusano, ha coperto la Città Eterna e tutto il territorio regionale cavalcando la frequenza FM 89.100.
La trasmissione? Titolo semplice ed eloquente: Giochi a Fumetti, condotta da Andrea Lupoli e Andrea Di Ciancio.
Una bella panoramica sulla riedizione de “Il Signore dei Porcelli”, sul cinghialese e sugli “scemo chi legge”, ma si parla anche degli altri titoli di Edizioni Dentiblù, come “Sacro/Profano”, “Felinia” e “Deficients & Dragons”.
La volete sentire? Eccola nel player qua sotto!

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

Due chiacchiere con Radio Cusano Campus 4.50/5 (90.00%) 2 voti

I commenti sono chiusi.

Immagine

Due chiacchiere sulla Radio Svizzera

Da Lucca al Canton Ticino, passando per il mondo dei fumetti

Due chiacchiere sulla Radio Svizzera

Lucca Comics & Games 2014. Un’edizione ancor più travolgente e affollata delle precedenti, un successo senza se e senza ma sia per Zannablù, con l’esordio nella scuderia Star Comics grazie all’uscita di “The Porking Dead” e col ritorno in gran spolvero de “Il Signore dei Porcelli”, sia per le Edizioni Dentiblù, col collaudatissimo “Sacro/Profano”, la frizzante new entry di “Felinia” degli Sketch & Breakfast nonché l’infallibile Manu Tonini e il suo nuovo “Deficients & Dragons”.

Ma nei momenti di stasi della roboante kermesse, c’è chi si riposa, c’è chi si diletta e c’è chi si delizia con l’enogastronomia lucchese… mentre invece Stefano dei Dentiblù ha pensato bene di sfruttare un tranquillo giovedì sera (la quiete dopo e prima della tempesta) per fare due chiacchiere con gli ascoltatori di RSI Rete Tre, emittente radiofonica della Svizzera italiofona.
In terra elvetica, infatti, il giovedì sera c’è appuntamento fisso con fumetto e dintorni grazie alla trasmissione Nerd 3.0 e, proprio in concomitanza col primo giorno di Lucca Comics & Games 2014, forse in assenza di autori di spessore più elevato, nella terra degli orologi e del cioccolato si sono accontentati di sentir parlare il nostro.
Intervistato da Michele R. Serra (che ha giusto una “R.” in più del suo celeberrimo omonimo, ma vanta pressoché le stesse illustri collaborazioni), è spaziato dall’amarcord dei primissimi ruspanti vagiti del “caso Dentiblù” ai progetti verso l’infinito e oltre.

Cliccate sul player qua sotto e ascoltate la piacevole chiacchierata. Se poi non state nella pelle per sentire la celestiale voce da tenore di Stefano, portatevi avanti di un paio di minuti e ascoltate da lì.

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

Due chiacchiere sulla Radio Svizzera 4.50/5 (90.00%) 2 voti

I commenti sono chiusi.

Immagine

Zannablù per Guglielmo

Aiutateci a fare qualcosa di grande.

Zannablù per Guglielmo

Forse vi sarà già capitato di sentirne parlare, forse lo leggete adesso per la prima volta, ma c’è una famiglia in una situazione di difficoltà che semplicemente non vorremmo mai capitasse a nessuno.
Al loro piccolo Guglielmo, un bambino di soli 4 anni, è stato diagnosticata una grave e rara forma di cancro al cervello e anche un centro di eccellenza come l’Ospedale Pediatrico Meyer di Firenze ha dovuto gettare la spugna di fronte a una sfida così difficile.

Ma la famiglia di Guglielmo ha una speranza, seppure comporti un sacrificio che difficilmente ognuno di noi sarebbe in grado di affrontare da solo. Un luminare americano ha prospettato un intervento chirurgico che darebbe delle buone speranze ma… per quanto difficile da accettare per noi, abituati a un sistema sanitario che – con tutte le sue pecche – non lascia da solo nessuno, la verità è che per curare Guglielmo serve nientemeno che un milione di dollari.

Già. E comunque, una verità che ogni genitore prima o poi scopre è che disfarsi di tutto e dormire sotto un ponte pur di dare una speranza ai propri figli è quasi automatico. Solo che a volte non basta. E poi, davvero ce la sentiamo di liquidarli con un “poveretti loro” e voltare la testa dall’altra parte? Noi no.

Per questo, oltre alle donazioni personali che abbiamo fatto, ci piacerebbe chiamare a raccolta tutto quello che è e che è stato il nostro Zannablù e, per quanto poco, usarlo come modo per fare assieme ai suoi affezionati lettori e simpatizzanti, un gesto di solidarietà. Leggi il resto »

Zannablù per Guglielmo 5.00/5 (100.00%) 1 voti

I commenti sono chiusi.

Immagine

Le Zanna PRINCESS!

Il nostro zannuto eroe nei (discutibili) panni delle Principesse Disney

Le Zanna PRINCESS!

Come ben si sa, il nostro caro Zannablù è ben avvezzo alle parodie. Ma stavolta, anziché lanciarsi in un’avventura a fumetti col titolo dagli evidenti riferimenti suini, ha preferito fare un défilé di fronte al suo pubblico di fan su Facebook.

Stupendo tutti in veste di Zannerentola e Zannaneve, ha poi lasciato il testimone alla sua platea su quale costume indossare di volta in volta, con duelli all’ultimo voto fra le malcapitate principesse.
È andata così che nell’arco di un mese si è mostrato sotto ben dodici mentite spoglie. Qual è la vostra preferita?

Bonus finale a sorpresa: un omaggio a una procace fanciulla che non è né principessa, né della scuderia Disney, ma nondimeno gode della sua popolarità: la prosperosa Angelina del webcomic Sacro/Profano, approdato al cartaceo col fortunato libro delle Edizioni Dentiblù. Eccola in tutto il suo giunonico splendore!

Zannangelina

Le Zanna PRINCESS! 5.00/5 (100.00%) 2 voti

I commenti sono chiusi.

Ancora vivi…

Un po' di diario di bordo per farci perdonare il silenzio

Bestione™ fatto con l'applicazione ArtFlow per Android

Bestione™ fatto con l’applicazione ArtFlow per Android

Scusate il silenzio dall’ultimo post.
Molti che ci conoscono hanno già un’idea precisa dei nostri tempi e dei nostri ritmi: anche per noi vige il classico “1% ispirazione e 99% traspirazione”, e ora stiamo… traspirando.

Ma giusto per farci vivi e farvi ciao con la manina, vi raccontiamo che siamo barricati in studio a occuparci sia delle Edizioni Dentiblù (e delle roboanti novità che si preannunciano per il 2014), sia di progetti più o meno top secret di Zannablù.

Nel frattempo, dopo una serie di hard disk saltati nel giro di pochi mesi, abbiamo rotto il porcellino (o il cinghialino? Boh…) per riattrezzare la nostra tecnologia.

Tutto in Photoshop CS6

Fatto tutto in Photoshop CS6. Omaggio a cosa, là… a Whoopi Goldberg. No, un momento…

Fra le varie cose, una nuova fiammante Cintiq Companion Hybrid potrebbe riuscire finalmente a vincere gli ultimi barlumi di tradizionalismo del “matitaro” Stefano, dopo che nel 2008 – all’indomani dell’acquisto di una “normale” Cintiq 21UX – si era arreso dopo qualche tentativo ed era tornato alla grafite, mentre la socia Barbara ne conquistava l’uso esclusivo per tutte le altre fasi del lavoro, rendendola una sorta di appendice esterna del proprio corpo.
O quasi.

Ebbene, le dimensioni più contenute, le funzioni touch e l’imminente crisi di mezza età hanno forse cambiato le cose. Il rodaggio è avvenuto sia nella versione tavoletta grafica (lavorando sul completo e potente Photoshop CS6) che in quella tablet Android, con app niente male come ArtFlow, ma dopo due o tre sketchettini “ars gratia artis”, Barbara ha gentilmente obbligato Stefano a lavorarci per roba più seria, un po’ come togliere la rete dopo due salti a un trapezista principiante.

Magari ci vorrà un po’ a raggiungere una confidenza pari a quella con grafite che dolcemente si sbriciola nei pori della carta, però stavolta ce la possiamo fare. Vi terremo aggiornati.

Ancora vivi… 2.50/5 (50.00%) 2 voti

I commenti sono chiusi.

Immagine

Quando conquistammo l’America

Diario in differita delle nostre (dis)avventure a San Diego

Quando conquistammo l’America

Nel freddo dell’inverno 2014 ci balzano alla memoria i ricordi del sole della California.
Era il 2007 e, per quanto avessimo alle spalle dei lunghi trascorsi da espositori nelle varie fiere e mostre-mercato sul suolo italico, la prima volta al San Diego Comicon fu un’esperienza per molti versi inedita.
Seconda volta negli USA, prima in assoluto alla famosa convention del fumetto a stelle e strisce, eravamo partiti con la stessa incoscienza e spavalderia dei nostri esordi in Italia. Beginners again, stavolta poi con le peculiarità di un pubblico molto simile ma anche molto diverso.
Con noi portavamo “Pigsty of the Caribbean”, la versione adattata in inglese di “Maiali dei Caraibi” e, come ai bei vecchi tempi andati, eravamo in tandem coi nostri amici de “La Borsa del Fumetto” di Milano, lì presenti con iniziative promozionali targate Libreria dell’Immagine.

Fu l’inizio di una miniserie distribuita in USA e UK da Diamond Comics nel corso di tutto il 2008. Gran bell’esperimento, divertente e impegnativo e chissà dove ci avrebbe portati se alcune piccole complicazioni e le loro marginali conseguenze non avessero incasinato la situazione quel “troppo” da imporci una pausa di riflessione. Ma tant’è.

In ogni caso, scavando nei nostri archivi, ecco che riesumiamo un diario scritto a caldo (dalla metà coi baffi dei Dentiblù) e mai compiuto. Però buffino, dai.
Buona lettura!

San Diego Comicon 2007

Non è un’esagerazione se dico che ho passato i mesi precedenti al luglio 2007 – 24 luglio, per l’esattezza – ad impararmi a memoria tutti i dettagli del San Diego Convention Center e dell’area che circonda quel tratto della West Harbor Drive.
Ore e ore su internet, cercando foto, girando e rigirando il modellino in scala di GoogleEarth, raccogliendo informazioni su viabilità e parcheggi per prevenire un incubo che poi invece ci sarebbe comunque stato.
O meglio, c’è stata quella serie di piccoli inconvenienti e fatiche che in precedenza avrei definito un incubo ma che, vissuti “in diretta” sotto il sole californiano, non erano altro che una serie di piccoli inconvenienti e fatiche, da sbrogliare uno per uno con un po’ di buona volontà e olio di gomito.

I wish they all could be California girls... O.o

I wish they all could be California girls… O.o

Era il primo pomeriggio (ovviamente col fuso orario “pacific time”) di mercoledì 24 luglio quando, a bordo della mia Taurus noleggiata da Herz, mi avvicinavo a quella famosa area che conoscevo ormai bene in teoria. E, a vederla, non era poi così diversa da come l’avevo immaginata: palazzi, palme, semafori e un sole dorato e abbagliante. Il navigatore mi aveva cannato impietosamente strada più volte, fra intricatissimi garbugli di corsie autostradali e svincoli vicinissimi fra loro, obbligandomi a forzose retromarce in zone del tutto aliene. In più, qualche deviazione in zona porto e l’ormai impellente bisogno di far pipì, smorzavano il già cauto ottimismo che riponevo nell’imminente evento diegano.

Secondo i fallibili piani del sottoscritto, bastava introdursi nel capiente parcheggio sotterraneo del Convention Center e da lì salire per qualche piano in ascensore. Peccato che già a 100 metri dall’ingresso di detto parcheggio, si vedesse campeggiare una serie di segnali di divieto d’accesso: “full lot”. Un “Don’t Panic” di adamsiana memoria era l’unica cosa a cui io e la mia vescica ci tenessimo aggrappati in quel momento, mentre il sole si rendeva ancor più complice di una già copiosa sudorazione. Per fortuna, a 400 metri, un parcheggio libero (se non dal dazio di 10 dollari) era la prossima speranza.

E così, sganciato il biglietto verde con la faccia del presidente Hamilton, mettevo finalmente requie al motore della Taurus, per iniziare l’anda e rianda lungo quei famosi 400 metri che, quel giorno e nei 4 successivi, sarebbero stati la mia più marcata eccezione a quella “car culture” di cui la California è imbevuta.

First step: un vespasiano. Vabbè, lasciando perdere le priorità corporee, il primo vero first step era impadronirsi del tavolinetto dell’area “Small Press” prenotato dal nostro amico Nessim Vaturi della Borsa del Fumetto. Ebbene, se Nessim sarebbe arrivato solo la notte successiva, il compito di ritirare la titolarità dello spazietto (e i 4 pass) era nostro. Leggi il resto »

Quando conquistammo l’America 4.00/5 (80.00%) 1 voti

I commenti sono chiusi.

Un felicissimo anno nuovo!

Il festoso Capodanno dei Dentiblù

Oggi che scriviamo è il 30 dicembre 2013, ergo domani saluteremo questo strano anno appena trascorso per dare il benvenuto al 2014.
Ma oltre che augurarvi ogni bene (salute, soldi, successo, ammore e tutte le altre cose che immancabilmente popolano le nostre più fauste aspettative), ci auspichiamo che il vostro Capodanno sia ben più frizzante e vivace di quello da noi trascorso quasi 365 giorni fa e che qui vi trasmettiamo in tutta la sua enfasi.

Ci è stato chiesto più volte se fossero davvero gli ultimi istanti del morente 2012 o se fosse una bella montatura in differita. Beh, potremmo rispondere che una bella influenza di fine anno o altri inconvenienti avessero steso buona parte dei nostri commensali costringendoci a un tête-à-tête di un’inedita intimità, oppure che sì, fosse una montatura giusto per ridacchiare un po’.
Scegliete voi la versione che vi deluda di meno.
O di più, è uguale.

In ogni caso… buon anno nuovo!

Un felicissimo anno nuovo! 4.00/5 (80.00%) 2 voti

I commenti sono chiusi.

' }, key: 'utvid', callbacks: { open: function() { jQuery('.mfp-content').css('maxWidth', '950px'); jQuery('.mfp-title').text(title); var $bg = jQuery('.mfp-bg'); $bg.css('background', '#000'); $bg.css('opacity', '0.85'); } } }); return false; }); setupGalleryObjects(containers); }); jQuery(window).resize(function(){ if(utv_vars.galleries.length > 0) setGalleryFlow(); });